https://www.viagrageneriquefr24.com/ou-acheter-du-viagra-en-pharmacie/

Archivio delle attività

Tutte le iniziative, ove non altrimenti specificato, si svolgono nella sede dell'Istituto e sono aperte al pubblico.

Paul Ricoeur - Il problema della verità nella storia (2/5)

Seconda lezione
Napoli, 26 maggio 1992
La spiegazione storica

Attraverso l’analisi della seconda delle tre modalità – la «spiegazione» – in cui si articola il lavoro dello storico, la lezione si propone di confrontare l’oggettività della conoscenza storica con quella propria delle altre scienze, naturali e umane in particolare. Dopo aver ricostruito lo sviluppo del problema epistemologico all’interno della tradizione filosofica di lingua tedesca, Ricœur si sofferma ad esaminare la coppia concettuale «spiegare-comprendere» (erklären-verstehen). Se è quest’ultima – in virtù della distanza interpretativa che la comprensione è in misura di assumere rispetto alla spiegazione (causale-finale) – a garantire la legalità propria all’oggettività delle scienze umane, la storia sembra rispondere al medesimo tribunale e poter dunque iscriversi nel cerchio dell’opposizione determinata dai due termini. Cosa ne è, tuttavia, della verità del “passato”, ovvero della distanza (la relazione intenzionale di rinvio) che separa gli eventi e gli stati di cose passate dal presente della comprensione? Sono la fenomenologia della coscienza temporale e l’ermeneutica della storicità a essere chiamate, nell’interpretazione ricœuriana, a marcare la più grande differenza e, insieme, la più stretta parentela tra la storia e le scienze umane.

  • Franco Bianco, Max Weber nella tradizione della filosofia pratica, 26-30 novembre 2001
  • Domenico Jervolino, Paul Ricœur e l’ermeneutica della storicità, 12 gennaio 1984
Letto 29 volte

Cerca

« Giugno 2021 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30