Multiverso | letture

 

 

Progetto: Fiorinda Li Vigni

Coordinamento: Francesco Campana

Redazione: Alessia Araneo, Francesco Campana, Olimpia Malatesta, Lorenzo Pompeo

Social: Andrian Ivanes

Husserl - Natura e Spirito. Lezioni del semestre estivo 1927

Recensione di G.J. Mastrobisi e Federica Buongiorno al volume di Edmund Husserl, Natura e Spirito. Lezioni del semestre estivo 1927

 

 

Il libro:
Edmund Husserl, Natura e Spirito. Lezioni del semestre estivo 1927, a cura di G.J. Mastrobisi 
Aracne, Roma 2020
Brossura, 416 p.
ISBN 882-55-3069-2


Il volume raccoglie alcune riflessioni composte da Husserl nel 1927. Nei testi, l'autore insiste sull'importanza del "mondo-della-vita" soggettivo-relativo, utile "terreno di fondazione" anche per il mondo oggettivo delle scienze. Le teorie scientifiche conservano, infatti, un loro contenuto positivo, un riferimento oggettivo alla realtà, proprio mediante nozioni pre-scientifiche che cercano invece di naturalizzare; di fatto, quando si verifica una crisi, il ricorso a questo "mondo-della-vita" pre-scientifico, come si manifesta nelle nostre esperienze intuitive, diviene necessario. Questa visione offre un'alternativa filosofica valida alla posizione naturalistica adottata ancora oggi da molti filosofi analitici. Prefazione di Thomas Nenon.

Federica Buongiorno è ricercatrice a tempo determinato di tipo A presso l’Università degli Studi di Firenze. Nel 2013 ha conseguito il dottorato presso la Sapienza Università di Roma con una tesi sulla filosofia del primo Husserl. È stata ricercatrice post-doc presso l’IISS di Napoli (2012-2013), la Freie Universität Berlin (2014-2017), l’IISF di Napoli (2017), la Technische Universität Dresden (2017-2020) e l’Institute for Cultural Inquiry di Berlino (2020-2021). Le sue aree di specializzazione sono la fenomenologia husserliana, la filosofia della tecnica e i digital studies. È traduttrice dal tedesco, redattrice della rivista “Lo Sguardo”, Editor in Chief della rivista “Azimuth” e co-direttrice della collana filosofica “Umweg”.

Giorgio J. Mastrobisi è docente di Filosofia e Storia nei Licei. Dottore di ricerca in Ermeneutica filosofica all’Università del Salento, è studioso di Kant, Husserl e Hermann Weyl; è stato assegnista di ricerca in Filosofia teoretica presso la stessa Università, occupandosi di rintracciare le fonti fenomenologiche in alcuni manoscritti inediti di Albert Einstein. È autore di numerosi articoli in riviste italiane ed estere di filosofia teoretica e storia della scienza, e della monografia Fenomenologia e Relatività. Studi su possibilità ed essenza nella fisica contemporanea (2015).

Letto 356 volte

Redazione