Archivio delle attività

Tutte le iniziative, ove non altrimenti specificato, si svolgono nella sede dell'Istituto e sono aperte al pubblico.

Sensibilità, intelligenza, plasticità. Menti, cervelli, macchine

31 gennaio-4 febbraio 2022 | ore 16

L'incontro si terrà in presenza e sulla piattaforma Zoom. Per iscrizioni alla piattaforma Zoom inviare richiesta di adesione all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sarà inoltre possibile seguire il seminario in streaming sul nostro canale YouTube

Laboratorio


Sensibilità, intelligenza, plasticità. Menti, cervelli, macchine

A cura di Pietro Montani e Massimiliano Biscuso

lunedì 31 gennaio
Pietro Montani (Sapienza Università di Roma)
Introduzione

Catherine Malabou (CRMEP)
Plasticité cérébrale et construction de l’ identité


Martedì 1 febbraio
Pietro Montani (Sapienza Università di Roma)
Immaginazione e plasticità

 

Mercoledì 2 febbraio
Vittorio Gallese (Università di Parma)
Dalla neotenia alle pratiche sociali. Esperienza, plasticità e cervello-corpo


Giovedì 3 febbraio
Giorgio Vallortigara (Università di Trento)
Come costruire un cervello sociale


Venerdì 4 febbraio

Luisa Damiano (IULM)
Robot sociali: l’ ipotesi della coordinazione affettiva


Il paradigma della plasticità , oggi al centro di importanti ricerche filosofiche e scientifiche, indica la capacità di un ente subire e produrre trasformazioni, di essere modificato e di modificarsi. Nato in ambito artistico, in cui “plastica” è la tecnica di dare forma alla materia (argilla, marmo ecc.), il termine è stato poi esteso alla formazione culturale e infine al vivente, che è capace di interagire con l’ambiente e con il mondo riorganizzandosi e inventando nuove soluzioni e strategie di comportamento. Il seminario intende far dialogare filosofi e scienziati intorno a questo paradigma, che permette di pensare in modo complesso e di superare le tradizionali opposizioni tra innato e acquisito, natura e cultura. Il modello di plasticità è centrale nelle scienze neurobiologiche, nello studio degli esseri viventi, sia vegetali sia animali, e nelle ricerche sulla progettazione di una nuova generazione di macchine intelligenti, capaci di apprendere e interagire anche emotivamente con gli uomini. D’altra parte, in analogia col concetto biologico di epigenesi, che indica lo sviluppo dell’embrione a partire da sé stesso, anche la ricerca filosofica sta cercando di ripensare la razionalità umana e, più in generale, l’intelligenza e la sensibilità a quella necessariamente connesse.

Letto 117 volte

Cerca

« Agosto 2022 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31