https://www.viagrageneriquefr24.com/ou-acheter-du-viagra-en-pharmacie/
Multiverso | letture

 

 

Progetto: Fiorinda Li Vigni

Coordinamento: Francesco Campana

Redazione: Alessia Araneo, Francesco Campana, Olimpia Malatesta, Lorenzo Pompeo

Social: Andrian Ivanes

Recensione di Silvana Borutti e di Marco Mazzeo al volume di Moira De Iaco, Wittgenstein e Sraffa

 

 

Il libro:
Moira De Iaco, Wittgenstein e Sraffa
Aracne, Roma 2020
Brossura, 236 p.
ISBN 8825532687


Moira De Iaco
insegna Processi cognitivi e apprendimento linguistico presso il Dipartimento LeLIA dell’Università di Bari. Ha conseguito l’abilitazione a Professore Associato in Glottologia e Linguistica, settore L-LIN/02, e in Estetica e Filosofia del Linguaggio. Si è laureata in Filosofia presso l’Università di Roma “La Sapienza” ed è dottoressa di ricerca in Teoria del Linguaggio e Scienze dei Segni (Università di Bari) e in Filosofia. Forme e storia dei saperi filosofici (Università del Salento – Universität zu Köln). È stata borsista di ricerca presso l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli con un progetto sui concetti della filosofia wittgensteiniana, a partire dal Nachlass e in chiave interdisciplinare. Ha pubblicato numerosi contributi dedicati all’apprendimento e all’insegnamento delle lingue, allo studio del linguaggio e al pensiero di Wittgenstein. A quest’ultimo ha dedicato, oltre a diversi articoli, altre due monografie: Solipsismo e alterità. Wittgenstein e il mito dell’interiorità (Pensa, 2013) e Il segreto dell’arte. Duchamp e Wittgenstein (Milella, 2015).

 

Silvana Borutti già professore ordinario di Filosofia teoretica all’Università di Pavia, è direttore della rivista filosofica Paradigmi. La sua ricerca riguarda i concetti delle scienze umane, le teorie dell’immagine e della traduzione.
Tra le pubblicazioni: Filosofia dei sensi. Estetica del pensiero, tra filosofia, arte e letteratura, 2006; Leggere il «Tractatus logico-philosophicus» di Wittgenstein, 2010; con U. Heidmann, La Babele in cui viviamo. Traduzioni, riscritture, culture, 2012; Nodi della verità. Concetti e strumenti per le scienze umane, 2017; con L. Vanzago, Dubitare, riflettere, argomentare. Percorsi di filosofia teoretica, 2018.

Marco Mazzeo è professore associato di filosofia del linguaggio presso l’Università della Calabria. È tra i fondatori della rivista "Forme di vita". Tra i suoi ultimi libri: Le onde del linguaggio. Introduzione alle Ricerche filosofiche di Wittgenstein (Carocci, 2013), Il bambino e l'operaio. Wittgenstein filosofo (Quodlibet 2016), Muhammad Ali oratore e pugile (Deriveapprodi, 2017), Capitalismo linguistico e natura umana (Deriveapprodi, 2019), Lo que es mío es tuyo. Magia y técnoca en la época del contagio (Terciero Incluido, 2020). Collabora con le pagine culturali del giornale “il manifesto”. Nel 2013 ha vinto il premio internazionale “Perelman” (Bruxelles).

Letto 451 volte

Redazione