Istituto Italiano per gli Studi Filosofici Press

Autore: Aristotele
Introduzione, traduzione e note a cura di Giuseppe Nastasi

Testo greco a fronte
ISBN 978-88-7723-181-9
Pagine: 160
Anno: 2023
Formato: 12,5 x 19,5 cm
Collana: Dynamis, 7

Acquista

Il breve trattato De memoria et reminiscentia è l’unico scritto in cui Aristotele indaga le attività del ricordare e del richiamare alla memoria. Esso costituisce un tassello fondamentale del progetto di una scienza dell’anima o psychologia intrapreso da Aristotele con il De anima: la memoria è infatti una di quelle funzioni comuni all’anima e al corpo che, insieme alla percezione, al sonno, all’attività onirica e alla respirazione, sono oggetto dei Parva Naturalia, scritti di fisiologia che completano l’indagine sull’anima. La teoria aristotelica della memoria rappresenta un punto di svolta già in età antica: Aristotele la elabora in chiara opposizione a Platone, per il quale il ricordare, connesso alla dottrina dell’anamnesi, ha un ruolo centrale per il pensiero. Questa nuova traduzione italiana, svolta sulla base di una recentissima ricostruzione dello stemma codicum del testo greco, offre per la prima volta uno strumento completo per lo studio di questa parte fondamentale della psicologia aristotelica. L’introduzione, le note di commento e gli apparati bibliografici tengono conto degli studi più recenti sul De memoria e sull’epistemologia di Aristotele.

Giuseppe Nastasi svolge un dottorato di ricerca in Filosofia presso le Università di Pisa e di Firenze, dove lavora al progetto Il dibattito tra Peripatetici e Stoici nel I secolo a.C. Formazione di tematiche linguistiche, semantiche, ontologiche e fisiche nell’Aristotelismo post-ellenistico. È autore di saggi sul pensiero antico e curatore del volume Religione e Politica. Paradigmi, Alleanze, Conflitti (Pisa 2022).

Indice

Premessa

Abbreviazioni degli scritti di Aristotele

Introduzione

Nota di traduzione

Sigla

ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΟΥΣ ΠΕΡΙ ΜΝΗΜΗΣ ΚΑΙ ΑΝΑΜΝΗΣΕΩΣ

Memoria e reminiscenza

Note di commento

Appendici

  1. Figure
  2. Note testuali

Bibliografia

Letto 307 volte