https://www.viagrageneriquefr24.com/ou-acheter-du-viagra-en-pharmacie/
Pinakes. Ritratti dall'archivio storico

 

 

Progetto: Fiorinda Li Vigni

Coordinamento:  Emilia Marra

Redazione: Giulia Adabessa, Elisa Bellato, Elenio Cicchini, Irene Dal Poz, Giulio Gisondi, Vincenzo Fatigati, Emilia Marra, Wolfgang Kaltenbacher

Social: Elia Mantovani

Supporto tecnico: Mario Beghini, Gianluca Bessi, Fabiana Castiglione, Francesca Vittoria

Ernst H. Gombrich

 

 

A cura di Elenio Cicchini

Ernst Hans Joseph Gombrich (1909-2001) è stato uno dei maggiori storici delle arti figurative e studioso della percezione visiva. Ottenuto un dottorato sulla pittura di Giulio Romano a Vienna con Julius von Schlosser, s’interessò alla psicologia e alla psicanalisi, seguendo i corsi di Wolfgang Köhler e Ernst Kris, col quale pubblicò nel 1940 un libro sulla caricatura (tema cui dedicò nel 1988 un seminario presso l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli.
Lasciata Vienna per sfuggire alle leggi razziali, si stabilì a Londra, dove collaborò con la neonata Warburg Library (dal 1944 Warburg Institute), assumendone la carica di direttore dal 1959 al 1976. Ha insegnato nelle università di Oxford, Londra, Cambridge, Harvard e Cornell.
Negli oltre venti volumi pubblicati e tradotti in tutto il mondo, Gombrich non cessa di considerare le immagini come espressione figurata di implicite convenzioni culturali, come di nozioni filosofiche. L’assunto programmatico con cui si apre la sua opera più nota, The Story of Art (1950) – «There really is no such thing as Art. There are only artists (In verità non esiste l’Arte. Esistono solo artisti)» –, chiude i conti con ogni idea romantica di “arte” e col concetto di epoca, suo correlato storico-filosofico. La storia dell’arte non è la storia dell’appartenenza degli artisti a un determinato spirito del tempo, ma, tutt’al contrario, quella della dipendenza del tempo dalle opere degli artisti. È allora alle singole tecniche, più che ai movimenti artistici, che lo studioso dovrà rivolgersi, così come alle singole opere, segno di una necessaria continuità con gli exempla del passato.
È con Art and Illusion: A Study in the Psychology of Pictorial Representation (1960) che la dinamica del processo figurativo viene precisata. Secondo Gombrich, l’artista non è né disinteressato, né pienamente consapevole nei confronti della sua opera, bensì sempre dotato di forme, o «schemata», costituite da convinzioni inconsciamente assunte, che ne orientano l’operare. Decisivo è il modo in cui queste forme emergono alla prova dell’opera, determinandone un continuo rimaneggiamento (trial and error).
Cittadino inglese fin dal 1947, Ernst Gombrich fu insignito dell’Order of British Empire nel 1972 e dell’ordine Pour le mérite für Wissenschaften und Künste nel 1977. Ottenne nel 1985 ad Anacapri il premio “Rosa Viva” e vinse nello stesso anno il premio Balzan per la storia dell’arte. Gli furono inoltre conferiti nel 1988 il premio della comunità scientifica viennese Ludwig-Wittgenstein e nel 1994 il premio Goethe della città di Francoforte.
Dal testo della conferenza tenuta il 19 settembre 1984 presso l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici è stato ricavato il libro Il gusto dei primitivi. Le radici della ribellione.

  

Sitografia 

Per la biografia e le opere principali
Enciclopedia Italiana Treccani
A. Michalowska, Sir Ernst Hans Gombrich


Per i riferimenti bibliografici
Elenco delle pubblicazioni (monografie, articoli in rivista, recensioni) aggiornate da R. Woodfield per il The Gombrich Archive. Bibliography

Per il contributo alla storia del pensiero
Alcuni scritti di E. H. Gombrich (The Gombrich Archive. Pepers and articles)
E. H. Gombrich, Das Kraftfeld abgeschaltet, intervista per il settimanale Der Spiegel, 33, 1944
Recensioni di E. H. Gombrich (The Gombrich Archive. Reviews)
Alcuni saggi su e interviste con E. H. Gombrich (The Gombrich Archive. Commentary)
Intervista a cura di A. Gargano, L’Unità, 9 febbraio 1998, Gombrich:“L’arte scopre l’osservatore. Dal suo movimento nasce la forma” 

Audio
The Evolution of Naturalistic or Realistic Art, Austin, Università del Texas, 1964
Desert Island Discs: Sir Ernst Gombrich, intervista rilasciata per la BBC Radio il 5 aprile 1992
E. H. Gombrich dialoga con R. Gregory presso l’Institute of Contemporary Arts di Londra, British Library Sound Archive, 25 maggio 1993
C. Courtney intervista E. H. Gombrich, British Library Sound Archive, 17 settembre 1999
The Story of E. H. Gombrich, ne parlano Leonie Gombrich e Robert Newman, BBC Radio, 28 luglio 2018

Video
Representations of Space in Western Art, AA School of Architecture, 22 ottobre 1986
R. Gombrich, Professor Richard Gombrich on Sir Ernst Gombrich, British Academy for the Humanities and Social Sciences, 10 novembre 2015
Interview on “The Story of Art”, Charlie Rose, 22 settembre 1995
Incontro con Ernst H. Gombrich, a cura di A. Nova, Archivio Nazionale Cinema d’Impresa, 22 luglio 1986
Ernst Gombrich: arte e percezione, Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche, a cura di R. Parascandolo in collaborazione con l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Rai Radiotelevisione Italiana (1995)

 

  • Storia delle idee. Problemi e prospettive, in collaborazione con il Lessico Intellettuale Europeo Roma, 29-31 ottobre 1987.
    Relazioni di E. H. Gombrich, P. Dibon, G. Widengren, J. Le Goff, N. Rubinstein, P. Rossi, J. E. McGuire, D. Lowenthal, J. Rykwert, E. Garin
  • History, anthropology and the Renaissance text, in collaborazione con il Warburg Institute, Londra, 2-7 luglio 1990
    Relazioni di J. B. Trapp, E. H. Gombrich, P. M. Gouk, M. C. W. Hunter, K. Jensen, A. Jones, D. Norbrook, D. Roper, Q. Skinner, P. Dubois, S. Jed, P. Stallybrass, J. C. Agnew, M. Ledoeuff, K. McLuskie, L. Jardine, A. Jebrailov
  • Gustavo Costa, La cultura italiana del primo Settecento e l’Inquisizione. La mancanza di spazio per la creatività letteraria e filosofica. Il primitivismo di Vico come contestazione dell’ordine controriformistico; Isaiah Berlin e la mancata menzione di Thomas Blackwell nel volume postumo di E. H. Gombrich sul primitivismo, in «L’estetica del sublime e l’invenzione dell’Italia», 7 maggio 2003
  • Patrizia Castelli, Il Rinascimento di Aby Warburg e di Ernst H. Gombrich, in «Interpretazioni del Rinascimento tra filosofia ed immagini», 11 gennaio 2006
  • Salvatore Geruzzi, L’ambizione di spiegare: alcune considerazioni su Neoplatonismo e arte nel Rinascimento nel pensiero di Ernst H. Gombrich, in Iconology. Neoplatonism and art in the Renaissance. Perspectives and contexts of a controversial alliance, in collaborazione con l’Università di Vienna, Vienna, 15 settembre 2011 

Ernst H. Gombrich, Il gusto dei primitivi. Le radici della ribellione, a cura di A. Gargano, Nella sede dell’Istituto, Napoli 2005